DEVI RIFARE IL TETTO?


Se anche l’interno della casa presenta qualche difettuccio, dovendo scegliere, noi indichiamo sempre di iniziare con il sistemare le problematiche del tetto. 

Si tratta infatti di uno degli elementi davvero essenziali per mantenere o aumentare:

  • il valore 
  • la sicurezza
  • la funzionalità

della tua casa.

La nostra impresa è specializzata nel rifacimento tetti, garantendo lavori portati a termine in tempi brevissimi e di perfetta esecuzione.

A tal proposito, invitiamo i nostri clienti e le persone interessate a contattarci per un consulto senza impegno e gratuito.

Proprio l’onestà che ci contraddistingue, ci spinge a scrivere questa guida, per fornire ai nostri clienti le informazioni necessarie a farsi un’idea su quali siano i fattori di rischio o i campanelli di allarme che inficiano la buona funzionalità di un tetto o quando questa sia venuta a mancare.

QUANDO E’ NECESSARIO RIFARE IL TETTO

Iniziamo con il dire che, come si può ben intuire, il tetto è la parte più esposta alle intemperie, agli agenti atmosferici e metereologici, agli sbalzi termici delle stagioni e soggetta anche alle infiltrazioni d’acqua.

Pertanto piccoli  e banali interventi, nel corso degli anni, saranno necessari: sostituire una tegola danneggiata, riposizionare quelle che si sono mosse, pulire le grondaie, ecc… 

Mentre un grosso intervento di rifacimento del tetto, può rendersi inevitabile in caso di problematiche più serie ma, se fatto bene, sarà l’unico che farete nel corso della vita.

Quando si immagina la ristrutturazione di una casa, molte persone non pensano immediatamente al tetto, ma in realtà è assolutamente una priorità. 

Ci sono dei casi in cui il tetto è messo così male da mettere in pericolo la vita delle persone, sia chi abita la casa, sia addirittura chi vi transita accanto: è chiaro che essendo un elemento strutturale fondamentale non si può prescindere dalla sua buona salute.

Nella maggior parte dei casi però, non si tratta di situazioni così gravi, ed anche se non è gravemente necessario il rifacimento del tetto, questo si renda comunque indispensabile per non aggravare situazioni future e per affrontare una spesa che, successivamente, sarebbe davvero più consistente.

Inoltre, la spesa per sostenere la ristrutturazione del tetto verrebbe anche ammortizzata dai vantaggi che ne derivano, primo tra tutti il risparmio in bolletta, oltre all’esperienza abitativa e all’estetica generale. 

La Gaiga Costruzioni è altamente specializzata nei tetti, e per questo possiamo fornire con sicurezza e in tempi record,  sia le informazioni che le prestazioni che i nostri clienti richiedono.

E, nel farlo, iniziamo proprio qui. 

IN COSA CONSISTE IL RIFACIMENTO DEL TETTO

Rifare il tetto si compone di diversi interventi, differenti anche in base a quello che si sta ricercando: se basta o si vuole semplicemente una nuova copertura, se si stanno ricercando miglioramenti termici o se si vogliono installare pannelli fotovoltaici. Altro fattore determinante per il procedere dei lavori è la presenza e la destinazione di una zona sottotetto, con la necessità di lucernari e abbaini. 

Queste sono possibilità da discutere assieme all’impresario, e in questo Lino Gaiga è sicuramente la figura di riferimento in grado di mettere in luce tutto il ventaglio di possibilità.

Ma in linea di massima, possiamo dire che il rifacimento di un tetto prevede dei punti fermi:

  • smantellamento del vecchio tetto, compreso, nei casi più gravi, anche la rimozione dello strato sottostante o i travi.
  • eventuale posa dei nuovi travi, quindi con la scelta se lasciarli a vista oppure no, in base anche, come visto, alla destinazione del sottotetto
  • predisposizione di materiali per l’isolamento e la ventilazione
  • installazione delle grondaie
  • messa in posa delle tegole e dei pannelli
Rooftops of houses, Lucca, Italy

IMPERMEABILIZZAZIONE

Con questo termine si intende la posa di un copertura in  grado di proteggere una qualsiasi costruzioni dall’acqua, in particolare dalle infiltrazioni della stessa. 

Sono le infiltrazioni infatti il nemico più insidioso che con il tempo può fare insorgere problematiche irreparabili, arrivando a pregiudicare la vivibilità dell’edificio, iniziando dalla presenza di umidità e muffe, con tutta una serie di conseguenze sia estetiche che di salubrità, oltre che strutturali.

Per poter impermeabilizzare sarà necessario prima di tutto livellare pendenze e avvallamenti, restaurare o rifare lo strato sottostante in modo da poter quindi procedere ad applicare una membrana  con una porosità minima: la guaina

Ne esistono di varie tipologie, da prendere in considerazione in base alle caratteristiche del tetto, e le principali sono :

  • membrane polimeriche (applicate a fiamma libera)
  • membrane bituminose (anche queste a fiamma libera)
  • membrane autoadesive (si incollano “a freddo”)
  • membrane  autoprotette (sono quei materiali solidi come rame, ardesia e alluminio, quindi dotati di superficie solida e quindi autosufficienti; sono le tipologie più costose).

COIBENTAZIONE

Si tratta di quell’intervento che permette di isolare termicamente le strutture di una casa e che combinandosi con la qualità della copertura, ottimizzerà i consumi, portando ad un notevole risparmio ed un maggiore comfort.

Per la coibentazione del tetto vengono impiegati materiali differenti alcuni di origine naturale (fibra di legno, vetro granulare, sugheri) altri artificiale (come la schiuma di poliuretano espanso),  e la scelta sarà dovuta anche alla forma del tetto, all’ambiente circostante, alla ricerca, eventualmente, anche di isolamento acustico e al prezzo.

VENTILAZIONE

Si parla di tetto ventilato quando il manto di copertura è un pò staccato dallo strato isolante, creando così un’intercapedine che permetta all’aria di circolare dalla gronde fino ai colmi. 

La ventilazione è quella che permette di evitare la condensa nei tetti, che influenza la scelta la posa dei materiali, e che fa sì che, passando attraverso il colmo, con un effetto camino, l’umidità venga smaltita e le prestazioni dell’isolamento siano garantite. 

Il tetto ventilato assicura un miglior comportamento dei tetti, in ogni stagione e ad ogni latitudine, con un conseguente  risparmio energetico. 

TIPI DI COPERTURE

Tutti i materiali di cui si compone un tetto contribuiscono al suo funzionamento finale, ma sicuramente l’elemento che anche un profano nota è proprio la copertura, altrimenti detta, rivestimento.

Tra i rivestimenti più comuni e classici, riconosciamo i tetti a falda, vale a dire tegole o coppi.

  • TEGOLE: sono manufatti in ardesia, laterizio, metallo o cemento. La forma si caratterizza per un’onda a cui si affianca una parte piana, oppure da più onde connesse tra loro
  • COPPI: sono principalmente di laterizio, e la loro forma è a mezzo tronco cono, che viene chiamato anche canale.

La scelta tra tegole o coppi, dipende da molti fattori che vi consigliamo di valutare insieme al nostro impresario. 

PER CONCLUDERE

Quando realizziamo o ristrutturiamo i tetti, il nostro fiore all’occhiello, l’obiettivo è quello di garantire al cliente un tetto duraturo, di cui potrà letteralmente dimenticarsi, perchè non ci sarà bisogno di secondi interventi.

Pertanto Vi invitiamo a contattarci per un consulto gratuito, senza impegno, in modo da poterVi consigliare con onestà e trasparenza… ci è anche capitato di dire: “non c’è nessun bisogno di rifare il tetto!”. 

… perché la fiducia del nostro cliente e la sua soddisfazione sono la nostra pubblicità più potente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *